Castello Principesco di Merano

Foto (12)
Informazioni
Indirizzo:

Via Galilei - 39012 Merano

Altitudine:

319 m s.l.m.

Telefono:

+39 329 0186390

Fax:

+39 0473 234615



Accessibilità: Condizionata

Scopri la posizione sulla mappa

Intorno al 1470 l'arciduca Sigismondo d'Austria fece costruire, ai piedi del Monte Benedetto / Küchelberg, il Castello Principesco per farne la sua residenza cittadina. In seguito esso fu adibito a sede amministrativa dai principi del Tirolo. Nel castello abitò anche l'imperatore Massimiliano e la famiglia dell'imperatore Ferdinando I. Oggi il castello offre una preziosa occasione per studiare abitudini e modi di vita del tardo Medioevo. Arredi, utensili da cucina, antiche stufe di maiolica, affreschi, ritratti, strumenti musicali e armi fanno rivivere i fasti di un'epoca da tempo tramontata.

Accessibilità: Condizionata

Nei pressi del Castello Principesco è presente un parcheggio pubblico con 2 posti macchina riservati alle persone disabili: per raggiungere il castello è necessario però superare una rampa del 18%. Vicino all’ingresso del museo, in via Galilei, si trova un ulteriore parcheggio riservato. Il cortile interno, la cassa e il corpo di guardia sono accessibili solo mediante 2 gradini. La “sala dei matrimoni” dispone invece di un ingresso indipendente ed è l'unica stanza accessibile senza aiuto (occorre chiedere alla cassa che venga aperta la porta dall'interno). Qui, su di un tavolo, è posizionato un computer dal quale è possibile fare una visita virtuale del castello.

Note: Il parcheggio consigliato è un posto macchina riservato alle persone disabili nelle vicinanze del Castello. Nei pressi del Castello Principesco è presente anche un parcheggio pubblico (sotterraneo e non) dove sono presenti 2 posti macchina riservati, ma per raggiungere l'ingresso del Castello è necessario superare una rampa del 18%.
  • Parcheggio consigliato
  • Parcheggio 2
Parcheggio
Pubblico
  • si
  • si
A pagamento
  • no
  • si
Posti auto coperti
  • no
  • si
Distanza dall'ingresso < 50 m
  • si
  • si
Posti macchina riservati
Presenti
  • si
  • si
Numero
  • 1
  • 2
Provvisti di segnaletica
  • si
  • si
Larghezza > 3,2 m
  • no
  • si
Pavimentazione
  • Asfalto / Cemento
  • Lastre / Cubetti non sconnessi
Note: Entrambi i percorsi descritti conducono all'ingresso sul retro del Castello, che porta all'unica sala visitabile senza aiuto da parte delle persone in sedia a rotelle. Il percorso dal parcheggio pubblico comprende una rampa molto ripida.
  • Percorso consigliato
  • Percorso 2
Attraversamento stradale
Necessario
  • si
  • no
Strisce pedonali
  • no
  • /
Presenza di
Rampa
Caratteristiche del percorso
Coperto
  • no
  • no
Pianeggiante
  • si
  • si
Pendenza < 7%
  • si
  • si
Pendenza trasversale < 3,5%
  • si
  • si
Piano di riposo
Presente
  • si
  • si
Sedute o panchine
  • si
  • si
Larghezza del percorso
  • > 90 cm
  • > 90 cm
Sistemi di orientamento
Presente
  • si
  • si
Cartelli segnalatori
  • si
  • si
Percorsi tattili
  • no
  • no
Pavimentazione
  • Lastre / Cubetti non sconnessi
    Lastre / Cubetti sconnessi
    Asfalto / Cemento
  • Lastre / Cubetti non sconnessi
    Lastre / Cubetti sconnessi
    Asfalto / Cemento
Note: I due grandi ambienti al pianoterra erano originariamente adibiti a deposito. Oggi nelle due sale, elegantemente arredate con mobili e dipinti provenienti dai fondi del Museo civico, si celebrano i matrimoni civili. I ritratti esposti rappresentano donne e coppie borghesi del Settecento, personaggi in vista, che decisero di farsi immortalare in un quadro, in un tempo in cui la fotografia ancora non era stata inventata. La sala dispone di un accesso indipendente ed è l'unica stanza accessibile senza aiuto (occorre chiedere alla cassa che venga aperta la porta dall'interno). All'interno, su di un tavolo, è posizionato un computer dal quale è possibile fare una visita virtuale del Castello.
Descrizione ambiente:
  • Sala matrimoni
Sullo stesso piano dell'ingresso
  • si
Ingresso ambiente
Porta presente
  • si
Larghezza porta cm
  • 148
Porta apribile verso l'esterno o scorrevole
  • no
Apertura automatica
  • no
Chiusura automatica
  • no
Soglia presente
  • si
Altezza soglia cm
  • 8
Porte interne
Presenti
  • no
Spazi di manovra
Larghezza minima percorso
  • >150
Spazio per manovra > 140x140 cm presente
  • si
Presenza all'interno di
Scale o gradini
Bagno accessibile
  • no
Sistemi di orientamento
Presenti
  • no
Ostacoli ad altezza d'uomo
  • si
Tappeti
  • no
Pavimentazione
  • Piastrelle / Marmo
Note: La leggenda vuole che nel cortile interno abbiano avuto luogo gli aspri combattimenti tra il primo signore e fondatore del Castello, il duca Sigismondo d’Austria, e i suoi sudditi meranesi, che si facevano poi rimborsare dalle camere principesche per gli abiti strappati durante la lotta. L'ambiente corpo di guardia fungeva originariamente da passaggio per le stanze dei signori, situate al primo piano. Qui le guardie potevano perciò esercitare un filtro contro eventuali ospiti indesiderati. Oggi il locale ospita una piccola collezione di armi del XVI secolo, due antiche campane e diversi forzieri e cassoni da viaggio. Il cortile interno, la cassa e il corpo di guardia sono accessibili solo mediante 2 gradini di 12 cm.
Descrizione ambiente:
  • Cortile interno e corpo di guardia
Sullo stesso piano dell'ingresso
  • no
Raggiungibile tramite
Scale o gradini
Ingresso ambiente
Porta presente
  • si
Larghezza porta cm
  • 90
Porta apribile verso l'esterno o scorrevole
  • si
Apertura automatica
  • no
Chiusura automatica
  • no
Soglia presente
  • no
Porte interne
Presenti
  • si
Larghezza porta più stretta cm
  • 96
Soglie > 2,5 cm presenti
  • si
Spazi di manovra
Larghezza minima percorso
  • 80
Spazio per manovra > 140x140 cm presente
  • si
Bagno accessibile
  • no
Sistemi di orientamento
Presenti
  • si
Cartelli segnalatori
  • si
Mappe cartacee
  • si
Ostacoli ad altezza d'uomo
  • si
Pavimentazione
  • Lastre / Cubetti sconnessi
Note: I piano (raggiungibile con una rampa di scale): è il nucleo più antico del Castello e conserva intatto il fascino dei secoli passati. Si possono visitare il loggiato affrescato, le stanze principesche con la camera dell‘imperatore, la cucina, la cappella e una collezione di rarissimi strumenti musicali.
Sullo stesso piano dell'ingresso
  • no
Raggiungibile tramite
Scale o gradini
Ingresso ambiente
Porta presente
  • si
Soglia presente
  • si
Porte interne
Presenti
  • si
Soglie > 2,5 cm presenti
  • si
Presenza all'interno di
Scale o gradini
Bagno accessibile
  • no
Sistemi di orientamento
Presenti
  • si
Cartelli segnalatori
  • si
Mappe cartacee
  • si
Ostacoli ad altezza d'uomo
  • si
Pavimentazione
  • Piastrelle / Marmo
Note: II piano (raggiungibile mediante una stretta scala a chiocciola): gli ambienti del secondo piano sono ancora avvolti dal mistero. Nella torre è ricavato uno studiolo. Secondo la leggenda, la principessa Eleonora, spesso lasciata sola dal marito, si sarebbe dedicata qui alle sue passioni letterarie.
Sullo stesso piano dell'ingresso
  • no
Raggiungibile tramite
Scale o gradini
Ingresso ambiente
Porta presente
  • no
Porte interne
Presenti
  • si
Soglie > 2,5 cm presenti
  • no
Bagno accessibile
  • no
Sistemi di orientamento
Presenti
  • si
Cartelli segnalatori
  • si
Mappe cartacee
  • si
Ostacoli ad altezza d'uomo
  • si
Pavimentazione
  • Parquette / Legno*
    Piastrelle / Marmo
Giorno di riposo
Lunedì
  • si
Periodo di apertura 1
Da
  • 16/03/16
A
  • 01/01/16
Dalle
  • 10.30
Alle
  • 17.00
Note
  • Do. e festivi: ore 10.30 - 13.00

Ti potrebbe interessare anche